Il sito navigabile dei Velisti per Caso!
twitter facebook friendfeed flickr youtube scrivi a

velisti tv

> newsletter

> cerca

> credits

iscriviti alla
newsletter


cerca nel sito

Congratulazioni a Gigi e Irene!

Gli storici Skipper di Adriatica si sono sposati dopo 37 anni!

Ultime notizie da Gigi e Irene

Su Canova hanno fatto 15mila miglia in un anno!

L'avventura su Ayoka

Nuova barca, nuovo itinerario... "vecchi" Gigi e Irene!

Navigando verso Bali

Gli alisei hanno polmoni robusti e andiamo veloce

Attraverso lo Stretto di Torres

Che divide l'Australia dalla Papua Nuova Guinea

Esplorando le Isole Solomon

Siamo nella zona di convergenza intertropicale!

Siamo arrivati nell'Eden: le Isole Solomon

Siamo abituati ai bei posti, ma questo arcipelago ci coglie lo stesso impreparati

Come sono cambiate le Vanuatu

Cellulari e ombrelli che prima non c'erano imperversano tra gli abitanti... Ma la sostanza non è cambiata

I salti di Pentecost!

Ovvero i precursori del bunjee jumping delle Vanuatu

Pausa-manutenzione a Port Vila

Qui eravamo e qui rimaniamo, alle prese con un nuovo schermo per la cartografia elettronica da esterno

Port Vila è una cosa a parte!

Non rappresenta granché le isole Vanuatu di cui è la capitale, parola di Gigi e Irene

Congratulazioni a Gigi e Irene!

9 November 2015 ore 00:00

Nostri cari parenti e amici, in questo caso Don Abbondio avrebbe detto: "Questo matrimonio S'HA DA FARE"! Ettecredo! Dopo 37 anni 2 mesi e 5 giorni di fidanzamento (forse nei Guinness?) era ora che convolassimo a giuste nozze. Niente paura, però: continueremo a litigare per altri 37 anni.

Il matrimonio sarà sicuramente un po' sfigato: sposa bagnata sposa fortunata e splendeva il sole; né di Venere né di Marte non si sposa e non si parte ed era venerdì... Che altro? Vista la giornata splendida la mia allergia primaverile mi ha fatto alzare con degli occhi rossi da strofinare in continuazione: avranno pensato che fossi molto commossa...

Per il resto, direi molto bene. Qui ci si sposa in dieci minuti (d'orologio). Tu vai al Palazzo di Giustizia (qui usa così), dici che ti vuoi sposare, compili un modulo, autocertifichi tutto, non ti chiedono di mostrare alcun documento, prenoti la data, paghi circa 100 euro e te ne vai. Il giorno prefissato ci si presenta davanti al Giudice di Pace con due testimoni, né loro né gli sposi devono esibire documenti di identità, ma è sempre tutto sulla fiducia (gulp). L'officiante legge la formulina iniziale e poi tocca agli sposi dichiarare che vogliono prendere in sposa o in sposo il tizio o la tizia. Niente anelli (mai portato uno in vita nostra). Niente cambiamento di cognome. Si firma, si ringrazia e si va via.

Essendo cittadini italiani, dovremo adesso comunicare l'avvenuto matrimonio all'ambasciata a Wellington spedendo il relativo certificato, che a sua volta sarà notificato in Italia. La mattinata si è conclusa con un ottimo pranzetto in un nuovo ristorante qui della zona. Abbiamo rinunciato alla torta a più strati con gli sposini di gesso, perché sollevandoli... saremmo stati comunque fuori età!

Nella nuova ragnatela di parentela, un abbraccio dal Signor Nava, neo cognato e neo zio e dalla Signora Moretti Nava, neo cognata, neo zia, neo nonna (?), ma sempre i vostri I+L


Gigi & Irene

Commenti

Beh ragazzi, che dire? ...complimenti!
Se vi ricordate di me mi farebbe davvero tanto piacere salutarvi e magari fare due chiacchiere se siete in Italia.
Ora faccio il "pensionauta" (per usare un'espressione di Antonio) sul lago Maggiore.
Sono passati tanti anni e tante cose dai tempi del Nina ma vi penso sempre con affetto.
Un abbraccio, renato,
Una volta mi chiamavi ragnetto

inserito da renato il 16/01/2016 alle 00:44

Inserisci commento

Inserisci il codice

riportato qui a fianco

Questo website utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza d'uso. Proseguendo la navigazione date implicitamente il consenso all'uso dei cookie. close [ informazioni ]