Il sito navigabile dei Velisti per Caso!
twitter facebook friendfeed flickr youtube scrivi a

velisti tv

> newsletter

> cerca

> credits

iscriviti alla
newsletter


cerca nel sito

Seconda tappa al via

25 March 2006 ore 08:00

Posizione 36°37',510 N 003°29',100 E. 4 miglia a sud di Motril (Costa Blanca)

Vento da Sud Est 5 nodi, mare calmo. Velocità 6 nodi. Rotta 272°. Distanza all'arrivo a Benalmadena (Malaga), la nostra prossima destinazione, 55 miglia. Ora prevista di arrivo: le 16.00 del 25 marzo.

 

Siamo finalmente partiti per la seconda tappa di questa Rotta Rossa. Imbarcati i nuovi compagni di viaggio, che vi presenterò durante le prossime comunicazioni da Bordo, la navigazione si é finalmente svolta tranquillamente, a motore, con assenza di vento e un po' di corrente contraria. Qui infatti, il Mediterraneo riceve le acque dall'Atlantico, e un flusso continuo di acqua in entrata imbocca lo stretto di Gibilterra da Ovest verso Est, creando una continua corrente in entrata nel Mare Nostrum, che non si arresta mai. Questo é dovuto al fatto che l'evaporazione delle acque mediterranee non é compensata dall'apporto dei fiumi e delle pioggie, dunque l'Oceano é creditore di grosse quantità di acqua.

Stamane una sorpresa. Il vento leggero da SE ci ha portato la nebbia. Uno spettacolo inusuale in mare, dovuto allo scambio termico tra l'aria secca del deserto e quella umida del mare. In realtà il cielo é sereno, qualche decina di metri sopra di noi. ma noi ancora non lo vediamo. Tra qualche ora, con il calore del sole, la visibilità aumenterà e i ragazzi di guardia al timone potranno rilassarsi.

Abbiamo iniziato con turni di 3 ore, su due guardie distinte. Capiturno Andrea e Ricardo, ognuno con una parte dei nuovi imbarcati. Io e Macho fuori turno: lui addetto alle riprese e io sempre disponibile. Questa prima notte di navigazione, che ci sta avvicinando a Gibilterra, mi serve per misurare le capacità di ognuno a bordo, per potere stabilire dei gruppi omogenei. L'obiettivo é di avere 3 turni da 4 ore, così che tra un turno e l'altro ci siano almeno 8 ore per riposarsi e occuparsi di se stessi e della barca. Sto cercando, quindi, conferme per eleggere il 3 capoturno, che mi deve dare sufficiente affidabilità riguardo alle capacità di gestire la navigazione e un paio di compagni da solo.

Fatta la cambusa per la prossima settimana, Andrea ha faticato non poco a stivare tutta questa quantità di cibo. Per la frutta e la verdura abbiamo appeso delle reti dove si possano arieggiare e quindi durare di più. Lo spazio nei frigo é limitato e bisogna immaginare soluzioni altenative. 11 persone per 7 giorni fanno... una quantità di cibi!

Sono le 8, e proprio ora c'é il cambio di guardia. Il profumo del caffé che ha invaso la barca ha svegliato i "montanti". Gli sguardi assonnati di chi smonta si affacciano all'osteriggio di discesa in una espressiva richiesta: "dateci il cambio!" Anche se tranquilla, la prima notte serve a prendere il ritmo a bordo, completamente diverso da quello a cui si é abituati a terra.

Il nostro lavoro di avvistamento di Cetacei, in collaborazione con un centro di ricerche, ci invoglia a aguzzare lo sguardo: le prime ore del mattino con mare calmo sono le preferite per gli incontri con i cetacei. Certo che con questa nebbia... ma spesso sono loro che ci raggiungono per giocare un po' con la nostra prua.

Inoltriamo le segnalazioni al Centro Cetacei con una scheda informativa allegata e delle foto. Questi dati servono alla compilazione di una banca dati. E' un lavoro semplice, ma importante.

La navigazione segue tranquilla.

 

Filippo

Inserisci commento

Inserisci il codice

riportato qui a fianco

Dj set a bordo!
Alla via così
Andrea a bordo
Delfini
Avvistamenti...
Lezione di nodi