Il sito navigabile dei Velisti per Caso!
twitter facebook friendfeed flickr youtube scrivi a

velisti tv

> newsletter

> cerca

> credits

iscriviti alla
newsletter


cerca nel sito

Brevi note per comprendere la realtà polinesiana

A cura del nostro inviato Michele Salvatore!

L'Hawaikinu

Una corsa che è anche una festa!

Il pareo

L'abito tradizionale delle "vahinè"

L'accoglienza

Mettetevi tra i capelli il bocciolo di Tiare!

L'Heiva

Una ricorrenza importante per tutte le isole

Letteratura polinesiana

Per prepararsi alla partenza

Il tatuaggio marchesiano

Il significato, la leggenda, la tradizione

Il Tamanù

Dono sacro della natura

Le Vahine

La sessualità polinesiana

Il Monoi

Il segreto della pella vellutata dei polinesiani

Perle Nere

Gioielli pregiati

La Vaniglia

Il frutto dell'orchidea

Perle Nere

di Michele Salvatore

 

La Polinesia è la patria delle perle nere e quale occasione migliore per acquistare un gioiello come questo, e non è un caso che parlo di gioiello, poiché deve essere considerato come tale, e per alcuni aspetti un piccolo investimento. Tenete presente che la stessa perla che acquisterete in Polinesia viene venduta in Italia minimo al doppio del prezzo. Se volete utilizzarle per un anello o degli orecchini o un pendente, vi consiglio di farvele montare già in loco poiché di norma il montaggio è gratuito ed eviterete qualche furbizia da parte di gioiellieri made in italy.

 

Ma perché sono così rinomate e apprezzate? Di per sé la perla è sempre stata un gioiello desiderato da tutte le donne del mondo e, in tutte le epoche, dall’antica Grecia ai giorni nostri, ma non si conosceva la perla di colore più scuro, o meglio era rarissimo trovarne qualcuna, tanto che è conosciuto da tutti la frase che descrive una rarità “…che sarà mai …. Una perla nera!!?? “. In effetti, senza l’intervento preventivo dell’uomo, di perle scure ce n’è solo qualche unità al mondo. Fu poi scoperta una qualità di ostrica che poteva produrre questo tipo di perle in Pacifico e da qui lo sviluppo della coltura delle perle varietà Pinctada Margaritifera in Polinesia. Le più grandi coltivazioni di perle o meglio Farm Perlier sono localizzate nell’arcipelago delle Gambier, e sono di norma anche le più apprezzate, altre coltivazioni si trovano nelle Tuamotù e nelle isole della società, in particolare Tahaa, Raiatea e Huahine.

 

Come si formano le perle

 

Come tutti sanno le ostriche hanno il manto interno ricoperto di madreperla, una sostanza prodotta dall’animale che ha la funzione di proteggerlo da elementi esterni che potrebbero danneggiarlo, infatti spesso potrete notare delle piccole protuberanze, segno che l’animale ha inglobato e poi ricoperto dei piccoli granelli di sabbia od altro. A partire da questa osservazione è iniziata la coltivazione delle ostiche perlifere.

 

Dalle giovani ostriche alla Perla

Tutto parte dall’introduzione in mare, accanto a delle ostriche già formate, di una piccola e fitta rete normalmente in nylon, alla quale si attaccano le spore prodotte dalle ostriche nel periodo di riproduzione. Da qui nasce il “naissian”, ossia una rete nella quale cominciano a crescere le giovani ostriche. Questa resta nelle acque trasparenti e ricche delle lagune per circa tre anni, prima di divenire una ostrica pronta a produrre. A questo punto l’ostrica viene leggermente aperta in modo da non recarle nessun danno e inserito un nucleo perfettamente rotondo nella sacca dell’organo sessuale dell’ostrica . Questa operazione è una operazione direi chirurgica poiché i ferri sono appositamente studiati per questa operazione e assolutamente sterili. La maggior parte di coloro che eseguono questa operazione sono giapponesi e vengono strapagati poiché da questo dipende la gran parte del risultato finale; infatti come in un qualsiasi trapianto c’è il pericolo di rigetto da parte dell’ostrica.

A questo proposito si è evidenziato che il nucleo che dà il minor numero di rigetti a parità di esecuzione è quello ricavato da una conchiglia del Mississippi, quindi una conchiglia di acqua dolce. Insieme al nucleo e solamente la prima volta viene inserito anche una piccolissima parte del labbro esterno del mollusco, labbro che ha una colorazione scura ma non definibile ad occhio nudo poiché è la somma di tantissimi pigmenti che vanno dall’argento al nero passando per il viola, verde, azzurro, blu, melanzana eccetera. Sono appunto questi pigmenti o meglio il pigmento che l’animale sceglierà in modo casuale che determinerà il colore della perla una volta formata. La prima volta che viene inserito il nucleo, questo ha di norma un diametro di 5 o 6 millimetri. L’ostrica riconoscendo un corpo estraneo lo ricoprirà con la madreperla durante i 18, 20 mesi che resterà in acqua.

In questo periodo l’ostrica è soggetta a tante cure, ossia verrà portata fuori dall’acqua e pulita, aperta più volte per controllare che tutto vada per il meglio e non ci siano stati fenomeni di rigetto. Tenete presente che solo un 40% delle ostriche produrrà delle perle e, avendo un "graffeur" (chi esegue l’operazione di inserimento del nucleo) molto bravo e accurato si potrà arrivare ad un massimo di 50, 60% del totale. Passati i 18, 20 mesi l’ostrica avrà ricoperto il nucleo con almeno 1,6/1,8 millimetri di madreperla e quindi viene estratta dalla sacca per essere poi commercializzata e contemporaneamente viene reinserito un nucleo di 8 millimetri in modo che il mollusco non si accorga della sostituzione e continua per altri 18,20 mesi a ricoprire anche questo di madreperla. Normalmente l’impianto riesce per due o tre volte, non di più.

Ovviamente la terza volta verrà inserito un nucleo del 10, in modo da avere poi una perla intorno ai 12 millimetri. Come vedete dietro c’è un gran lavoro e non tutte le ostriche produrranno perle, come non tutte riusciranno a produrre perle rotonde come il nucleo ma, spesso di svariate forme. Ciò anche per giustificare il prezzo che troverete per quelle di classe A, ma dopo vi dirò anche della classificazione. Ogni tanto vedrete delle piccole casette in bordo laguna o addirittura in laguna e generalmente intorno un gran numero di boe color arancione: queste sono delle farm perlier. Il GIE PERLE sta lavorando molto in questi anni per evitare che sul mercato possano esserci delle perle che non abbiano lo spessore di garanzia (1,6 millimetri come si diceva prima). Anche qui qualche furbetto di origine cinese od occidentale cerca di accorciare i tempi e immette sul mercato perle con spessori di 0,8/1,0 millimetri.

Peggio ancora su qualche bancarella ci sono delle perle dal colore decisamente nero e direi perfettamente rotonde a prezzi molto bassi: non fidatevi, potrebbe essere solo della Malachite e non certo una perla.  Quindi il mio consiglio è di comprarle in un negozio che dia la garanzia e la fattura o in una farm perlier. Dopo aver comperato tante perle per me, amici e conoscenti e l’avere un amico proprietario di una farm a Tahaa, io le prendo in un piccolo negozio di Bora poiché è quello che ha la scelta più ampia e ciò perché compra le perle una per una e non all’ingrosso e quindi riesce ad avere una scelta amplissima di colori. In una farm probabilmente riuscirete ad avere un prezzo migliore, non di molto ma più basso, ma non avrete la scelta che può avere un negozio che si rifornisce da tante farm a seconda delle esigenze della clientela ed è giustificato il costo leggermente più alto. E’ un gioiello, non un prodottino artigianale quindi conviene spendere con accuratezza

Allego di seguito la traduzione, che ho fatto appunto per questo negozio, della classificazione ufficiale delle perle di Tahiti e la traduzione dell’iter che bisogna seguire per non pagare l’iva sull’acquisto e come aver cura delle perle una volta a casa.

 

Classificazione ufficiale

 

Delibera del Governo N° 2001-88 Decreto del 12 luglio 2001La perla di Tahiti è una perla di coltura dal colore naturale e proviene dall’ostrica perlifera Pinctada margarifera var. cumingii

 

QUALITA’ DELLA SUPERFICIE

La qualità di una perla di coltura di Tahiti si può apprezzare ad occhio nudo.La qualità è data dal mix: stato della superficie e lucentezza. Una bella lucentezza corrisponde ad una riflessione totale della luce e dona un effetto specchio.

 

QUALITA’ A: Perla che presenta al massimo una imperfezione od un gruppo molto localizzato e concentrato su meno del 10% della superficie. La lucentezza è molto bella.

QUALITA’ B: Perla che presenta qualche imperfezione concentrata su un terzo (1/3) della superficie. Lucentezza bella o media

QUALITA’ C: Perla che presenta delle imperfezioni leggere concentrate al massimo sui due terzi (2/3) della superficie. Lucentezza media. QUALITA’ DPerla che presenta sia delle imperfezioni leggere sui due terzi della superficie sia delle imperfezioni profonde concentrate su più della metà della superficie. Poca lucentezza

 

TAGLIA: La taglia della perla di coltura di Tahiti si determina a partire dal suo diametro, che varia generalmente da 7,5 a 14 millimetri.

FORMA: Si possono trovare quattro forme di base (rotonde, semi-rotonde, semi-barocche e barocche) e una categoria a parte per le cerchiate.

CRITERI ADDIZIONALI: Il colore di base e le sfumature di colore, come pure il peso e la forma delle perle semi-barocche, sono ulteriori criteri di valutazione.

MODALITA’ DI DETASSAZIONE: Avete comprato una Perla di Tahiti e questa è assoggettata all’IVA del 16%.Vi è stato consegnato un prestampato in tre copie. Quando partirete da Tahiti per ritornare in Italia dovrete dichiarare l’acquisto e far timbrare dalla Dogana dell’Aeroporto di Tahiti-Faaa il prestampato. Una copia Rosa sarà trattenuta dalla Dogana, l’altra Rosa dovrete metterla nella busta preaffrancata che vi è stata consegnata e metterla nella cassetta della posta che è a vostra disposizione in aeroporto. Di solito c’è una cesta alla destra dello sportello dogana. La copia verde resta a voi insieme alla fattura.Questa operazione vi costerà solo un paio di minuti al controllo dei bagagli da parte della Dogana ma la copia timbrata che ci invierete è indispensabile per giustificare la non applicazione dell’IVA al Vostro acquisto.Grazie della Vostra cooperazione.

Non è difficile prendersi cura delle vostre perle, basta rendersi conto che questo è un gioiello prodotto da un’ostrica, un prodotto naturale e, come le ostriche, anche la perla ha bisogno di umidità.Conservare le perle separatamente da altri gioielli, meglio ancora in un sacchetto in tessuto.Conservarle in un tessuto leggermente umido se sono in un ambiente molto secco.Pulire immediatamente la perla che occasionalmente è stata a contatto con prodotti chimici, acidi o alimentari.Utilizzate un tessuto pulito ed umidificato con acqua pura (non clorata) per pulire la perla, quindi asciugatela con un tessuto pulito ed asciutto.Dopo averle indossate pulitele con un tessuto asciutto Se avete acquistato una collana, controllate regolarmente la robustezza del filo e all’occorenza farle reinfilare dal vostro gioielliere di fiducia.

 

Evitare Tutti i contatti con il Trucco, prodotti solari, profumi e prodotti di bellezza; Sudore, sapone,detergenti, acqua clorata e acidi in genere;Talco. Sporcizia e sabbia;Graffi che possono essere provocati da altre pietre cristalline od oggetti metallici; Vapori di Aceto e acidità dei succhi di frutta.

 

Attenzione Alla disidratazione provocata dalla permanenza prolungata in tessuti di cotone; Le perle non sopportano temperature oltre i 100°C, evitare di esporle o conservarle vicino a fonti di calore.

Commenti

Cialis Generique Discount [url=https://acialisd.com/]brand cialis online[/url] Nootropil Cialis Cephalexin Dose For Dog

inserito da lesSciecy il 05/07/2020 alle 03:39

Inserisci commento

Inserisci il codice

riportato qui a fianco

Questo website utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza d'uso. Proseguendo la navigazione date implicitamente il consenso all'uso dei cookie. close [ informazioni ]