Il sito navigabile dei Velisti per Caso!
twitter facebook friendfeed flickr youtube scrivi a

velisti tv

> newsletter

> cerca

> credits

iscriviti alla
newsletter


cerca nel sito

Il rito del pranzo

29 March 2006 ore 18:00

Posizione 31°17',510 N 011°17',100 E. Traverso di Agadir (Marocco), 120 miglia al largo della costa.
Vento da Nord Est 25 nodi, mare agitato con onda lunga sui 3 metri, in calo. Velocità 8 nodi. Rotta 225°. Distanza all'arrivo a Lanzarote (Canarie), 177 miglia. Ora prevista di arrivo : le 18.00 del 30 marzo.

 

Il vento é stato costante tutto il giorno, e l'aria limpida é stata tiepida, così tutto l'equipaggio ha finalmente vissuto in coperta (all'esterno) tutta la sua giornata.

Il rito del pranzo, che rappresenta il momento più aggregante a bordo perché tutti siamo svegli, si é svolto in pozzetto, tra risa e canti. Emiliano, che si sta rivelando una vera sagoma, ci fa divertire e sorridere tutti. Finalmente ha vinto la sua timidezza che all'inizio lo bloccava un po' (o forse era il.. mal di mare!?!). Collegando il suo i-Pod allo stereo di bordo ci siamo dilettati a cantare Battisti ed altri cantautori italiani a squarciagola nell'aliseo portoghese che disperdeva le nostre note non sempre intonate verso il sud.

Prendendo confidenza con la barca e con i movimenti a volte bruschi dovuti al mare forte, alcuni provano a timonare: Rosario, Rino (già esperto ex proprietario di catamarano), Fabrizio, Michele, Emiliano... Impresa non facile nemmeno per noi professionisti, perché il mare alto spinge Adriatica in tutte le direzioni. Ma con l'impegno e l'applicazione i risultati si vedono. Ricardo e Andrea sono sempre accanto per correggere eventuali errori.

Il mio occhio é fisso sugli strumenti, anche all'interno. I rumori che sento sono sintomo e indicazione di come Adriatica procede. E' importante che lo skipper riconosca come va la sua barca dai rumori. La barca gli parla. Se soffre si fa s