Il sito navigabile dei Velisti per Caso!
twitter facebook friendfeed flickr youtube scrivi a

velisti tv

> newsletter

> cerca

> credits

iscriviti alla
newsletter


cerca nel sito

Giovanni Salvador: dalla Spagna alle Canarie

Vela senza barriere nel Mediterraneo

Sailing Campus a Trieste

Con Lo Spirito di Stella, partecipate!

Manifesto della nautica solidale

I sette principi da ricordare.

Matti per la vela

Quando la vela è un mezzo di integrazione

Il Chiossone a bordo!

Weekend speciale a bordo di Adriatica

Lo Spirito di Stella

Primo catamarano al mondo senza barriere

Stella solca l'Oceano!

L'avventura dello Spirito di Stella

Notizie da Andrea Stella!

Il catamarano accessibile ha attraversato l'Atlantico

Spirito libero by "Lo spirito di Stella"

Come sensibilizzare sui temi della disabilità e dell'abbattimento delle barriere architettoniche

VentoLibero

Il mare, nessuno escluso. Il vento, nessuno escluso!

Tutti a vela con Arché Sail

Una cooperativa trentina che promuove turismo velico solidale e accessibile sul Lago di Garda

A scuola in mezzo al mare

Niky Frascisco vive con la sua famiglia in mezzo mare e da lì studia

Una flotta di Emozioni

Una flotta di imbarcazioni totalmente accessibili nel Lago di Garda

Esiste la "Città Ideale"?

Un'intervista a Patrizio sul tema della disabilità, in barca e non.

Intervista doppia a Patrizio e Cino Ricci

A cura della redazione di "Nuovo Abitare"

Dal diario di Giovanni Salvador

Su Adriatica a Auckland!

Ferrari Yacht Design

Paolo e Mario Ferrari progettano barche senza barriere!

Matti per la vela

Ormai è chiaro che la barca a vela non è solo uno status symbol, ma un vero e proprio mondo a parte, dove poter sperimentare e scoprire nuovi modi di vivere. Gli spazi angusti sono una delle principali sfide per ogni marinaio perché richiede pazienza e spirito di adattamento. Questa e altre caratteristiche rendono le barche a vela un luogo perfetto per seguire da vicino persone con disagi e avviare programmi di recupero mirati.

Ecco quindi nascere moltissimi “laboratori galleggianti” gestiti da associazioni e organizzazioni di ogni genere. E' il caso di Matti per la vela, associazione genovese che ha come scopo quello di promuovere progetti dedicati alla "prevenzione del disagio giovanile, della disabilità, dell'emarginazione sociale, delle tossicodipendenze e della disoccupazione". Uno dei suoi obiettivi principali è quello usare la vela come strumento di integrazione sociale per i giovani.



La finalità dell'associazione è ben spiegata sul sito internet ufficiale, dove leggiamo che Matti per la Vela ONLUS propone attività didattiche dedicate a soggetti in condizioni di disagio sociale e psichico, condividendo esperienze significative tramite percorsi di formazione e crescita attraverso la navigazione in barca a vela. Non è un segreto che abbiamo una passione per questo genere di progetti, che danno alla vela e al mare connotazioni diverse da quelle abituali. In fondo, molti velisti dicono che la vela può avere qualità terapeutiche! Non a caso i partner di questa iniziativa sono vari e importanti, fra i quali notiamo anche l'Unione Italiana Vela Solidale, lo Yacht Club Italiano e l'Ass. Non solo Vela Onlus.



L'associazione propone una serie di attività e cerca di coinvolgere i ragazzi in regate, uscite più classiche, iniziative collaterali e per ogni progetto prevede obiettivi diversi legati non solo all'esperienza dei partecipanti, ma anche degli operatori e degli istruttori coinvolti. In tutti i casi si tratta di attività continuative, con incontri spesso settimanali. La ricerca e il recupero di un benessere psico–fisico sono l'obiettivo finale e servono a supportare la guarigione anche di coloro che mostrano una scarsa cura di sé a causa di patologie che comportano la tendenza all’apatia, alla sedentarietà, a frequenti disordini alimentari...



I "Matti" cercano di non tralasciare nessun aspetto e usano la nautica anche come strumento per aiutare l'inserimento nel mondo del lavoro, sfruttando i contatti con gli esperti del settore. Si tratta, insomma, di un progetto a tutto tondo, che cerca di sfruttare le caratteristiche della vita marinara come mezzo per creare momenti di socializzazione, proporre sfide ai ragazzi con disagi, fornire nuovi modi di percepire e affrontare il mondo. Per maggiori informazioni, vi rimandiamo direttamente al sito dell'associazione, dove potrete trovare i diversi programmi e le relative schede, ma anche una galleria fotografica, e una serie di link utili.



Buon vento!

Serena Canu

Redazione di Velistipercaso.it

Inserisci commento

Inserisci il codice

riportato qui a fianco

Questo website utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza d'uso. Proseguendo la navigazione date implicitamente il consenso all'uso dei cookie. close [ informazioni ]